Panoramica Finka | Operatori | Rainbow Six Siege | Ubisoft (UK)

Indietro
Finka icon

Finka

Finka faction

SPETSNAZ

Squadra
Assalitore
Ruolo
back-line, buff
Corazza
Velocità
Difficoltà

Abilità uniche e stile di gioco

La Botta di adrenalina di Finka attiva nanoparticelle di zinco precedentemente iniettate negli operatori, facendo rilasciare loro un cocktail farmacologico grazie al quale lo zinco viene assorbito dall'organismo come un nutriente. Le nanoparticelle incrementano per un breve periodo la salute, aiutano a riprendersi dai K.O. e rendono la mira più ferma. Gli effetti si estendono all'intera squadra. Finka è l'unica in grado di adattare le nanoparticelle alle specificità degli organismi dei singoli operatori.

Dotazione

Arma primaria

Spear .308

FUCILE D'ASSALTO

6P41

MITRAGLIATRICE

SASG-12

SHOTGUN

Arma secondaria

PMM

PISTOLA

GSh-18

PISTOLA

Gadget

Carica da irruzione

Granata a frammentazione

Abilità unica

BOTTA DI ADRENALINA

Biografia
Nome vero
Lera Melnikova
Data di nascita
7 giugno (27 anni)
Luogo di nascita
Gomel, Bielorussia

BACKGROUND

"Non devi per forza tenerti la mano che ti viene servita."

Nata a Gomel, Bielorussia, poco più a nord di Chernobyl, Melnikova è cresciuta circondata da individui con malformazioni congenite. Motivata già durante l'infanzia dalla malattia che la affliggeva e da quelle di coloro che la circondavano, Melnikova crescendo giurò a se stessa che avrebbe trovato una cura. Studiò quindi citologia e genetica all'Università Statale di Novosibirsk, conseguendo successivamente un dottorato in biologia molecolare. Rimase all'università, nel laboratorio di biotecnologia e virologia, collaborando a distanza con l'Istituto di ricerca immunologica in cerca di trattamenti per vari patogeni e neuropatie, inclusa la sua. Le rivoluzionarie ricerche di Melnikova sui motori monomerici auto-guidati hanno consentito di fare passi da gigante in campo medico e nella tecnologia militare. La sua ricerca ha salvato operatori Spetsnaz da materiali pericolosi e questo le ha aperto gli occhi su possibilità prima impensate oltre al farle ottenere l'Ordine d'Onore. Si è arruolata nell'esercito, diventando una specialista CBRN degli Spetsnaz. Nelle esercitazioni congiunte tra le varie unità, Melnikova è senza dubbio l'esperta di riferimento in armi biologiche.

RAPPORTO PSICOLOGICO

La specialista Lera "Finka" Melnikova ha una personalità dinamica che spesso è rimasta in ombra nei rapporti passati a causa della sua patologia cronica. È un vero peccato. Dal primo momento in cui si è presentata al nostro incontro portando caffè appena fatto e cornetti, la sua esuberante energia ha invaso la stanza.

Benché Melnikova preferisca non parlare della sua malattia, è chiaro che questa è sempre presente nei suoi pensieri. Il suo fitness tracker le manda avvisi in continuazione. La sua borraccia d'acqua deve essere sempre piena. Non riesce a stare né seduta né in piedi troppo a lungo. Ogni movimento che compie è calcolato. Non è né impaziente né irrequieta, ma estremamente consapevole di ciò che accade in ogni momento e attenta ai bisogni del proprio corpo. []

La gestione della sua patologia tiene Melnikova ancorata al "qui e ora". Le azioni che compie, i suoi rituali, le hanno permesso di conquistare un'ottima forma fisica e un grande equilibrio mentale. È l'approccio giusto e su di lei funziona alla perfezione. La mia preoccupazione è che possa non essere preparata ad affrontare eventuali stravolgimenti del suo ordine meticoloso. Quindi le ho suggerito, pur mantenendo generalmente i suoi rituali, di applicare qualche variazione. []

Grazie alla familiarità con la propria malattia, Melnikova comprende meglio di chiunque altro quale sia l'impatto della disabilità sull'identità di un individuo. La sua ricerca è motivata dalla determinazione, ma anche dal senso di colpa. Sa perfettamente di non poter aiutare tutti. E, francamente, è cruciale per la sua salute mentale che ne sia sempre consapevole. Siamo umani, dopotutto. []

I profondi legami che ha stretto con alcuni membri delle forze speciali russe e i suoi compagni di squadra di Rainbow la spingono a migliorarsi e a mantenere la concentrazione. Comprendono tutti il livello altissimo di impegno che questo richiede. La sua dedizione verso di loro è incrollabile, anche se spesso in apparenza potrebbero non essere sempre d'accordo. []

Ciò che mi colpisce di Melnikova è la sua bellissima, piena risata. Una risata che non si sente spesso, quando si concentra troppo sulla sua malattia. L'ho incoraggiata a cercare più occasioni di gioia disinibita. Poiché ogni sua decisione è sempre raggiunta in modo estremamente meticoloso, Melnikova trarrebbe gran beneficio dalla capacità di sorprendere se stessa.

-- Dr. Harishva "Harry" Pandey, Direttore di Rainbow

SCEGLI IL TUO OPERATORE