Tom Clancy's Rainbow Six Siege | Operator CAPITAO | Ubisoft

Indietro
CAPITÃO icon

CAPITÃO

CAPITÃO faction

BOPE

Squadra
Assalitore
Ruolo
area-denial, flank, front-line
Corazza
Velocità
Difficoltà

Abilità uniche e stile di gioco

Utilizza un dardo in vetro per sferrare attacchi rapidi e letali senza svelare la propria posizione ai nemici. Il cilindro in vetro si rompe all'impatto, rilasciando un gas infiammabile a contatto con l'ossigeno. Consente di attaccare con rapidità il nemico senza rivelare la propria posizione.

Dotazione

Arma primaria

PARA-308

FUCILE D'ASSALTO

M249

MITRAGLIATRICE

Arma secondaria

PRB92

PISTOLA

Gadget

Claymore

Granata stordente

Abilità unica

BALESTRA TATTICA

Biografia
Nome vero
Vicente Souza
Data di nascita
17 novembre 1967
Luogo di nascita
Nova Iguaçu, Brasile

BACKGROUND

Vicente Souza, il più piccolo di tre figli, è cresciuto a Nova Iguaçu, nella periferia di Rio de Janeiro. Tenace e scrupoloso, entrò nella Policia Civil dopo il liceo e fu ben presto reclutato dal Cooredenadoria de Recursos Especiais (CORE). Durante un'incursione al Terceiro Comando Puro con il CORE, cadde in un'imboscata mentre sgombrava una casa nel Senador Camará. Due mesi dopo, il CORE riuscì a estrarlo insieme a tre ostaggi durante un'operazione di salvataggio, ma ormai aveva subito lesioni che l'avrebbero segnato per sempre. Si pensava addirittura di toglierlo dal servizio attivo. Tuttavia, Souza approfittò del fatto che il CORE cercava agenti per provare nuovi equipaggiamenti e, grazie al suo stoicismo e ai metodi tattici unici, divenne un eroe locale. Vedendo in lui lo spirito dell'unità, "Vittoria sulla morte", il BOPE gli propose di arruolarsi. Souza capì che lavorando nelle favelas avrebbe potuto ridurre il numero di vittime grazie al suo equipaggiamento e accettò senza esitazione.

RAPPORTO PSICOLOGICO

Quando aveva dieci anni, suo fratello maggiore fu ucciso da un membro del Comando Vermelho. Da quel momento, Souza dedicò la sua vita alla protezione del Brasile. Quando sono a rischio le vite degli innocenti, può diventare paranoico. Cosa che lo rende un ottimo agente nelle situazioni con un alto rischio di danni collaterali. La sua esperienza come ostaggio ha rafforzato il suo proposito di proteggere il Brasile dagli orrori del traffico di droga.